14 C
rome
lunedì, aprile 24, 2017
Home SPORT CALCIO OGGI La Uefa si salva dal fallimento con Euro 2016

La Uefa si salva dal fallimento con Euro 2016

Dal torneo 1,5 miliardi per sanare il bilancio. Senza l'organizzazione (e i proventi) del torneo continentale, la massima associazione calcistica continentale rischierebbe seriamente di fallire a causa dei bilanci chiusi in perdita ogni anno. Il passivo viene ripianato proprio ogni quattro anni grazie al torneo

189
0

Il torneo di calcio continentale più bello e più importante al mondo. Un momento di coesione, non solo sportiva, per tutta l’Europa. Ma soprattutto un grande affare per la Uefa: Euro 2016 è un business da oltre un miliardo e mezzo di euro, vitale per le casse dell’associazione che fu di Michel Platini. Anzi, si potrebbe dire che senza gli Europei la Uefa fallirebbe: è il trofeo per le squadre nazionali che si disputa ogni quattro anni, infatti, a ripianare i debiti dei bilanci chiusi sistematicamente in rosso ogni stagione. Molto più redditizio anche della Champions o dell’Europa League: perché in quei casi i lauti introiti dei diritti tv vengono quasi interamente ridistribuiti ai club. Con gli Europei, invece, la Uefa può destinare alle Federazioni solo le briciole, e tenere il resto per sé. Mentre le spese di organizzazione ricadono quasi tutte sul Paese ospitante.

affare Uefa - bilanciOLTRE MEZZO MILIARDO DI UTILE – I numeri ufficiali diEuro 2016 non sono ancora noti. Ma analizzando i precedenti bilanci della Uefa, ci si accorge di come gli Europei siano la principale fonte di guadagno della massima associazionecalcistica continentale. Quattro anni fa, ad esempio, l’edizione inPolonia e Ucraina ha portato un utile netto di 593 milioni di euro, e la storia si ripeterà adesso in Francia. Merito soprattutto dei diritti tv, che vengono venduti da Euro Sas (una compagnia partecipata al 95% dalla Uefa e al 5% dalla Federazione del Paese ospitante), e che nel 2012 sono valsi 837 milioni. Poi altri 313 milioni di diritti commerciali, 136 milioni per i biglietti (la parte spettante alla Uefa), 102 milioni di hospitality. Mentre i costi non superano i 700 milioni: le briciole per le nazionali (196 milioni), 281 milioni di contributo organizzativo, più spese varie (anche 30 milioni di indennizzo ai club che cedono i giocatori alle nazionali). Il saldo alla fine della giostra era e sarà semprepositivo.

EURO SALVA UEFA – È così che la Uefa si regge in piedi: solo e quasi esclusivamente grazie agli Europei. Tutti gli anni il bilanciochiude in rosso: -27,8 milioni nel 2015, -42 nel 2014, -21 nel 2013, addirittura -85 nel 2011. Tranne che nell’anno degli Europei: +128,7 milioni nel 2012. Come spiega a ilfattoquotidiano.it Luca Marotta, esperto di contabilità sportiva, “l’Europeo è l’evento con cui la Uefa raddoppia il proprio fatturato”. Si passa infatti da 1,4 miliardi di euro nel 2011 a 2,8 miliardi nel 2012. “Per le casse dell’associazione – prosegue – si tratta di un torneo più importante persino della Champions League. Il saldo delle altre competizioni, infatti, si chiude in pareggio: ad esempio il miliardo incassato per i diritti tv delle coppe viene quasi interamente ridistribuito ai club, che chiedono sempre di più facendo leva sulla minaccia dellaSuperLega”. Mentre dalle partite delle nazionali la Uefaguadagna e basta: “Anche l’anno prossimo con gli introiti di Euro 2016, il bilancio tornerà in attivo”.

affare Uefa - bilancio EuroRICAVI ANCORA IN CRESCITA – Rispetto al 2012, infatti, l’edizione che comincia venerdì in Francia si annuncia ancora più ricca. Del resto, dietro la mossa di Michel Platini di allargare il format a 24 squadre non c’era solo il desiderio ecumenico di una maggiore partecipazione. Più nazionali vuol dire più partite. E piùricavi. Per la prima volta la Uefa è riuscita a vendere in maniera centralizzata i diritti delle qualificazioni, e anche in Francia il numero degli incontri salirà da 31 a 51. Sicuramente gli incassi da diritti tv della prossima edizione sfonderanno la quota del miliardo di euro: la Uefa ne ha già incassati 495 milioni nel 2015 e 193 milioni nel 2014 fra i riscontri passivi. Salirà anche ilmontepremi, fino a 301 milioni: ma quest’aumento del 50% rispetto al 2012 lascia presagire quella che sarà la crescita anche maggiore per i ricavi. Un contentino alle nazionali, le spese vere sulle spalle del Paese ospitante. E i guadagni in tasca. Euro 2016 per la Uefa è il business perfetto.

Twitter: @lVendemiale

Commenta su Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Show Buttons
Hide Buttons