Nuova Opel Insignia Grand Sport, addio all’inverno

Ecco tutte le finezze per rendere la vita a bordo sempre più accogliente

0
289

Ricordate quando, d’inverno, bisognava entrare in macchina vestiti da sci, con il lembo del polsino pulire il parabrezza interno e aspettare dieci minuti prima che il condizionatore buttasse fiori uno sputo di aria calda?
Tutto questo per fortuna è solo un pallido ricordo: oggi le auto di nuova generazione offrono sistemi tecnologicamente avanzatissimi per affrontare i mesi freddi, oltre ad una serie di diavoleria di bordo che rendono la vita dei passeggeri sempre più tiepida e confortante.

Non è certo ultima in questo corsa, anzi è fra le prime, la nuova Opel Insignia.  La nuova ammiraglia della casa di Rüsselsheim dispone di una serie di dispositivi, tra cui i sedili anteriori e posteriori riscaldati e il parabrezza riscaldabile. Invece di congelarsi le dita grattando il ghiaccio, il parabrezza viene sbrinato silenziosamente e comodamente premendo un tasto, grazie a invisibili resistenze elettriche filiformi.
Il parabrezza riscaldabile impedisce inoltre che i vetri si appannino, migliorando ulteriormente visibilità e sicurezza. Il riscaldamento si spegne automaticamente e può essere riattivato in caso di necessità premendo nuovamente il tasto.

Non solo. Chi guida può godere di una funzione di lusso come il volante riscaldato, mentre i sedili riscaldati sono disponibili non solo per guidatore e passeggero anteriore, ma anche per i passeggeri seduti sui sedili posteriori esterni. Il riscaldamento dei sedili anteriori è regolabile e con la funzione di riscaldamento automatico a richiesta può essere impostato anche attraverso il menu di personalizzazione presente sullo schermo.
“Non è mai stato così facile sentirsi caldi e comodi dentro un’automobile di questa categoria come su nuova Opel Insignia”, ha dichiarato Peter Christian Küspert, Vice Presidente Sales e Aftersales di Opel. “E la migliore visibilità garantita dal parabrezza riscaldabile aumenta la sicurezza di tutti gli utenti della strada”.

Commenta su Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here