Roma, Spalletti: «Qualcuno dovrà prendersi le responsabilità»

L'allenatore è deluso dopo il pareggio con l'Atalanta: «Lo scudetto? Qui ho avuto la possibilità di lavorare, ci ho messo tutto me stesso. Alla fine tireremo le somme»

0
24
SPALLETTI

SABATO 15 APRILE 2017 17:32

ROMA – Luciano Spalletti si aspettava qualcosa di più dalla Roma. Dentro l’uovo di Pasqua non troverà il suo rinnovo di contratto, come anticipato ieri in conferenza stampa, ma una sorpresa amara, un pareggio con l’Atalanta che allontana il sogno scudetto (la Juventus è a più otto punti) e rischia di complicare la corsa verso il secondo posto. «Nel primo tempo abbiamo giocato al di sotto delle nostre potenzialità – ammette Spalletti a Mediaset Premium – abbiamo fatto un giro palla in maniera troppo lenta, non abbiamo sviluppato azioni veloci e abbiamo avuto poca qualità. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio e meritavamo di più. Questi rischiano di essere due punti persi e basta. Contro queste squadre in casa devi tentare di vincere ma se non ci riesci bisogna fare di tutto per vincere la prossima. Questa squadra ha grandi potenzialità, che nel secondo tempo ha fatto una buona partita, questo gruppo è forte ma probabilmente potevamo fare meglio nella gestione della palla. Anche aver cambiato spesso formazione e modulo forse non ci ha aiutato a trovare quei meccanismi che le squadre che giocano sempre allo stesso modo hanno molto collaudati».

Roma-Atalanta 1-1: Dzeko risponde a Kurtic

SCUDETTO – La Juve si allontana e a Pescara mette una serie ipoteca sul sesto titolo consecutivo. «Vincere uno Scudetto a Roma ne vale dieci in altri club? Non lo so se sia così, io a Roma ho avuto la possibilità di lavorare, ci ho messo tutto me stesso ma poi alla fine tireremo le somme. Per ora non è un risultato da buttare via né un grande risultato perché siamo usciti dalle due coppe: e alla fine qualcuno deve prendersi le proprie responsabilità. I complimenti fatti ad Allegri? Allegri ha gestito al meglio la situazione fino adesso. Vincere con i giocatori forti è difficile e questo vuol dire che ha molti meriti anche Allegri oltre che i giocatori della Juventus», ha concluso Spalletti.

Commenta su Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here