Rovereto. La Manifattura Tabacchi diventa un centro d’innovazione sociale e ambientale

All’ultima edizione di Urbanpromo, la manifestazione organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, una sessione apposita è stata dedicata al tema della rigenerazione degli ex opifici per usi innovativi.

0
349

All’ultima edizione di Urbanpromo, la manifestazione organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, una sessione apposita è stata dedicata al tema della rigenerazione degli ex opifici per usi innovativi. Tra i casi presentati, e disponibili nella gallery del sito ufficiale Urbanpromo, c’è “Progetto Manifattura – Green Innovation Factory”.
E’ un’iniziativa promossa dalla Provincia autonoma di Trento per trasformare la storica Manifattura Tabacchi di Rovereto – inaugurata nel 1854 – in un centro di innovazione industriale nei settori dell’edilizia ecosostenibile, dell’energia rinnovabile, delle tecnologie per l’ambiente e della gestione delle risorse naturali.

I nove ettari del sito sono destinati ad ospitare, su una superficie coperta di circa 70.000 mq, un cluster composto da startup, imprese, centri di ricerca, strutture di formazione, investitori e reti di consulenti, con l’obiettivo di stimolarne la collaborazione e di costituire un riferimento nel settore delle clean tech, a livello nazionale ed europeo.

Il progetto è articolato in più fasi.

La prima – completata nel 2012 – si è rivolta in prevalenza, anche se non in via esclusiva, alle nuove imprese. Una prima sistemazione provvisoria di alcuni edifici storici ha consentito di recuperare circa 7000 mq, quasi interamente dedicati ad esse. In questa area il percorso offerto ai neo-imprenditori è disegnato in funzione della trasformazione di una buona idea imprenditoriale in una impresa solida. Nei 48 mesi di attività seguiti all’inaugurazione dei primi spazi operativi le proposte imprenditoriali accolte sono state circa 60 (selezionate a partire da un numero doppio di richieste). In funzione della ristrutturazione di ulteriori spazi ad uso produttivo il progetto dedicherà progressivamente più spazio alle fasi di consolidamento e crescita, conservando alla funzione di prima incubazione un’area complessivamente non superiore al venti per cento dell’intera superficie dedicata alle imprese.

Commenta su Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here