Dal 6 al 10 giugno in tutta Italia si celebra la Settimana della dieta mediterranea, una importante occasione per riscoprire l’importanza di una dieta bilanciata e i suoi effetti positivi sulla salute. Per questo motivo, in questi giorni, sarà possibile prenotare visite gratuite dal nutrizionista, per raccogliere informazioni e capire quali sono le linee guida da seguire a tavola.

settimana dieta mediterranea

Per molti anni la dieta mediterranea è stata il punto di riferimento per tutti coloro che volevano seguire un regime alimentare sano e bilanciato; oggi però questo tipo di dieta sembra essere un po’ meno di moda, perché molte altre “correnti di pensiero” stanno venendo fuori. In netto aumento sono per esempio le persone che si affidano a una dieta vegetariana e in leggera ascesa sono anche i vegani, ovvero coloro che non contemplano alcun tipo di alimento di origine animale.

E così la dieta mediterranea sta rischiando di finire nel dimenticatoio. Ecco perché in occasione della Settimana della dieta mediterranea, l’Ordine Nazionale dei Biologi ha deciso di organizzare Mangiare&Salute, una iniziativa dedicata proprio a questo regime alimentare, che dal 2010 è stato inserito nella lista dei Patrimoni immateriali dell’umanità. E per sensibilizzare le persone sulla importanza di mangiare sano e bilanciato, alternando cioè gli alimenti nel corso della settimana tipo per garantire all’organismo il giusto nutrimento, ecco che ci sarà la possibilità di prenotare visite gratuite dal nutrizionista al fine di raccogliere info importanti su quanto sia consigliabile seguire un corretto stile di vita e una adeguata alimentazione per mantenersi sempre in forma.

Per prenotare la vostra visita gratuita dal nutrizionista, visitate il sito ufficialeMangiare&Salute 2016 per conoscere anche quali città aderiscono a questa interessante iniziativa tutta dedicata ai benefici della dieta mediterranea sull’organismo.
Maris Matteucci
5 giugno 2016

Commenta su Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here